3 domande (più 2): Intervista a Camilla Corsellini

Buck, la nuova mascotte di Bookteller Eventi Letterari. Buck è stato creato dall’illustratrice Marilena Pasini.

Buck, la nuova mascotte di Bookteller Eventi Letterari.
Buck è stato creato dall’illustratrice Marilena Pasini.

“Io sono riconoscente ai libri per avermi salvato la vita” (Camilla Corsellini*)

Organizzi eventi culturali in Italia e in Francia. Numero di lettori a parte… quale paese fra i due, secondo te, è più sensibile verso la letteratura?

Sono arrivata a Parigi tre anni fa. Oltre a organizzare eventi, oggi lavoro come agente letteraria con la mia agenzia Bookteller Eventi Letterari. Sicuramente la Francia ha un’attenzione maggiore verso le novità letterarie e valorizza molto anche i titoli stranieri. In generale c’è un atteggiamento di grande curiosità e di passione verso i libri promosso dalle famiglie verso i bambini. Il settore della letteratura e dell’illustrazione per ragazzi di cui mi occupo da qualche tempo ha qui pari dignità della narrativa per adulti.

Qual è, dopo anni di attività,  l’incontro più suggestivo che hai avuto per lavoro?

Dal 2007 grazie a Bruma, la rassegna che ho ideato e che conduco presso la Biblioteca di Brugherio (MI),  ho intervistato i maggiori scrittori italiani. Sono orgogliosa di avere fatto incontrare per la prima volta Mario Calabresi e Umberto Ambrosoli, due uomini portatori di storie dolorosamente affini. Conoscere Valerio Varesi, autore della serie del Commissario Soneri e di romanzi importanti sulla storia recente, mi ha fatto scoprire un uomo di grande onestà intellettuale. Ultimo in ordine di tempo: Gianfranco Calligarich, uno scrittore di grande talento e generosità che oggi rappresento come agente per la Francia.

C’è un autore di storie – non vivente – che leggi per star meglio quando la vita fa lo sgambetto?

Da anni rileggo- e consiglio di leggere- “Tutti i racconti” di Flannery O’Connor.

Cosa diresti a quei lettori che confondono vita e letteratura?

Che mi assomigliano. Io sono riconoscente ai libri per avermi salvato la vita. Quando la realtà era troppo dura, i libri mi hanno mostrato un’alternativa. Leggere e poi scrivere ha cambiato la mia esistenza.

C’è un oggetto della tua infanzia che ti rappresenta?

Una collana con il mio nome. Ce l’ho da quando avevo tre anni. Una volta mi arrivava al petto e ora tocca appena il collo. Sono cresciuta e sono cambiata: quel filo racconta tutto questo.

*Camilla Corsellini, giornalista e scrittrice,vive fra la Francia e l’Italia. Ha fondato l’Agenzia Bookteller Eventi Letterari: Una “Factory Creativa” che promuove cultura a 360 gradi: organizza rassegne, festival ed altri eventi letterari. Inoltre, si occupa di ufficio stampa in ambito editoriale e della promozione di autori  in Italia e Francia. 

Per saperne di più: http://booktellereventi.wordpress.com/

 © Mario Schiavone, per Inkistolio: Storie Orticanti.  RIPRODUZIONE TESTI RISERVATA.

Annunci

One comment

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...