5 domande orticanti a Antonio Maria Logani: uno scrittore divertito e divertente!

Antonio Maria Logani-Scrittore“Bene. Vuoi fare lo scrittore. Allora improvvisami quello che ti passa per la mente. Oppure improvvisami un racconto…”(Antonio Maria Logani*)

Da quanto tempo scrivi e cos’è per te la scrittura?

Scrivo da molto prima che iniziassi a lavorare, quindi dal 1960. La scrittura non è altro che quel pensiero libero, a volte fantasioso, messo nero su bianco.

Parteciperesti mai a un talent show sulla scrittura?

Sì. Soltanto se per talent-show si intende improvvisazione di un racconto o di una favola da parte dei partecipanti. (vedi improvvisazioni musicali).

Cosa manca ai lettori italiani… considerata la loro latitanza nei confronti delle biblioteche?

Ai lettori italiani manca la disciplina educativa. Quella disciplina letteraria che per me sarebbe d’obbligo  sin dalle elementari. (Vedi lingua inglese). Anche se è impossibile far uscire l’amore insegnandolo. Se non ami, non senti, una cosa non la puoi capire. Così è il talento e così è la latitanza dalle biblioteche.

Che cosa diresti a un figlio o nipote capace di porre una domanda tipo: Vorrei fare lo scrittore, cosa ne pensi?

A mio nipote o figlio o semplicemente un richiedente consiglio, direi e chiederei; -Bene. Vuoi fare lo scrittore. Allora improvvisami quello che ti passa per la mente. Oppure improvvisami un racconto o una favola partendo, ad esempio, “aveva una casetta piccolina in Canada”.

Cosa stai scrivendo in questo periodo?

Sto lavorando a due romanzi; Sex,drug,spaghetti e Rock&roll, e Il manuale del vero coatto.

Antonio Maria Logani* è uno scrittore italiano. Ha una pagina fb molto attiva su cui c’è scritto che vive presso: “Ho chyu han 451”. 

Il suo blog personale è questo: http://logani.wordpress.com/

Il suo ultimo libro in formato e-book “Fatti & misfatti” appena uscito, lo trovate qui:http://www.amazon.it/Fatti-Misfatti-Ernesto-Antonacci-ebook/dp/B00GSUS3R8/ref=sr_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1385567179&sr=1-1&keywords=fatti+e+misfatti+logani

Certe sere, se un tornado bussa alla porta, è colpa dei Rough Combo!

 

Ci sono sere in cui  del mondo non ne puoi più. Momenti in cui vorresti ascoltare – oltre al vento e alla pioggia autunnali- solo della buona musica.

Piccola nota doverosa: sono un appassionato e non un addetto ai lavori. Per questa ragione credo che la migliore musica sia quella che ci emoziona proprio quando niente sembra colpirci…

Mentre vi scrivo, oltre la finestra di casa mia si scatena un vero inferno di pioggia e grandine. Temo che qualcosa voglia colpirmi davvero!

Forse, il temporale lì fuori, ha preso forza perché sto scrivendo di musica: io da piccolo sognavo di fare questo… e ora che la magia si avvera accade di tutto: un tornado, forse, vuol portarmi via da casa mia!

Vado a coprire le finestre con delle robuste tavole di legno.

Voi, se potete, ascoltate i pezzi del trio Rough Combo: MaxPieri (Basso e Voce), Michele Murante (Sax) e Oscar Pisanti (Batteria) hanno un buon “tocco” da bravi musicisti, perchè capaci di far musica con una buona intesa creativa. Ho le prove: il loro recente progetto THE BASEMENT TAPES è ricco di spunti musicali davvero accattivanti.

Se sopravvivo a questo tornado giuro che torno qui su inkistolio con 5 domande al cantante di questa band campana: Max Pieri.

ps I tre tipi di cui vi ho parlato fanno un blues che a me piace un sacco, perché mi ricorda proprio la musica blues genuina che mi faceva ascoltare mio zio Lino (operaio e chitarrista blues piemontese) quand’ero piccolo.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑