L’appartamento- Mario Capello -Edizioni Tunué-

lappartamento_mario-capello_tunuc3a9_cover

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il romanzo L’appartamento di Mario Capello (Tunuè Editore, euro 9,90) è composto da tante piccole caselle di una scacchiera narrativa capace di mostrare mosse argute (passaggi letterari) che brillano di luce propria. Per scoprirlo non bisogna essere giocatori d’alto bordo, o aspiranti scacchisti dell’ultima ora ma solo lettori dotati di quella bussola che ha un ago capace di mirare in una sola direzione: la voglia di leggere buona letteratura.

La storia contenuta in questo prezioso libretto dalla raffinata copertina, narra del giovane protagonista Angelo, di un suo cliente chiamato Ferrero e di un segreto nascosto nelle parole (non dette) dell’uomo anziano e  nella voglia di non ascoltare del giovane venditore di case. In questo gioco di ruoli, in questo scambio reciproco che ricorda tanto un sacrificio di scacchi in cui un giocatore perde un pezzo per conquistare una buona posizione sul campo di battaglia, i due s’incontrano a poco a poco. Come un cavallo che si muove mostrando la sua danza elegante e al tempo stesso coraggiosa e  come un alfiere tenace, i due personaggi cominciano a conoscersi attraverso pochi gesti mirati: piccoli indizi nei giochi di faccia, qualche rimando verbale che profuma di educazione e buon maniere ai fini di un giusto rapporto fra impiegato e cliente. Chi vuole vendere cosa, o per meglio dire, chi ha Qualcosa cosa da “vendere”?  In questa mossa astuta si gioca tutta la partita narrativa messa in campo dall’autore. Mario Capello, come un vero scacchista, memore della lezione dei grandi autori che cita fra una riga e l’altra del libro, disegna una partita  elegante giocata fra due uomini che avrebbero potuto – in uno sconosciuto orizzonte degli eventi- non incontrarsi mai. Eppure s’incontrano, qualcosa accade pagina dopo pagina, parola dopo parola. La cifra migliore del libro tende a raccontare questo: a mostrarci, mossa dopo mossa, cosa davvero c’è sulla scacchiera e cosa non avrebbe potuto esserci. Lo sfondo è quello di un Paese, il nostro Paese.

Non capita spesso di leggere un libro così ben scritto; asciutto ed essenziale in ogni riga, preciso e misurato in ogni spazio immaginativo che si dilata con la sua forza narrativa fra un lemma e l’altro. Questa prova narrativa spinge Mario Capello (ormai al suo terzo libro) fra gli autori più interessanti nel panorama contemporaneo italiano, e se non bastasse questa recensione non resta che un solo invito: leggere il romanzo L’appartamento: a poco a poco o tutto d’un fiato conta poco, la partita ha inizio. Non tiratevi indietro. Dietro quelle caselle ogni pezzo/parola schierato/a in gioco ha qualcosa da raccontarvi. Buona lettura e buona partita.

Ps Pezzo toccato, pezzo giocato. Libro consigliato, libro divorato.

Per saperne di più e per comprare il libro, potete consultare il link che segue: http://www.ibs.it/code/9788867901388/capello-mario/appartamento.html

Mario Schiavone per Inkistolio:Storie Orticanti.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...