Blog

5 domande allo sceneggiatore Gaetano Ippolito*

1)Quando hai capito che l’idea del soggetto cinematografico “Ciruzziello” poteva diventare un progetto cinematografico concreto?

Quando il regista, Ciro D’Aniello mi ha parlato dell’idea del cortometraggio basata su un personaggio ispirato alla nonna, una donna molto anziana, ma ancora autonoma, e tanto legata alla tradizione religiosa e alla fede cristiana, sono rimasto subito affascinato. L’idea di lavorare su un personaggio femminile e molto avanti con l’età era decisamente motivante. Inoltre nell’idea era presente anche il personaggio di un figlio disabile: questo era ancora più interessante, perché tale situazione ci dava l’opportunità di mettere in crisi la fede religiosa della protagonista. Abbiamo lavorato sulla struttura per portare il personaggio lentamente al momento di rottura con la fede religiosa, per fare in modo che trovasse soluzioni diverse alla problematica del figlio.

2) Come procede la diffusione del cortometraggio “Ciruzziello” selezionato da Rai Cinema?

La distribuzione procede bene, perché il regista, Ciro D’Aniello, è stato davvero bravo, si è occupato lui di questo aspetto in prima persona. Il cortometraggio ha partecipato a tantissimi festival sia nazionali che internazionali, e soprattutto è andato in onda sulla piattaforma di Rai Cinema, con nostra grande soddisfazione. Siamo davvero contenti per la visibilità che ha ottenuto “Ciruziello”. Speriamo che possa ancora girare in altri circuiti indipendenti.

3) Da dove trai spunto per i soggetti cinematografici e narrativi che rielabori con il tuo stile?

Credo che la realtà sia una grande fonte di ispirazione, che a volte supera qualsiasi immaginazione: basta pensare alla situazione attuale che stiamo vivendo a causa del Covid – 19; un periodo assolutamente surreale, direi quasi kafkiano, degno del miglior Saramago (Cecità). I fatti che accadono continuamente nel mondo reale sono una fonte inesauribile per realizzare soggetti cinematografici. È chiaro che il punto di partenza, a mio avviso, è sempre e comunque il personaggio. Per avere una grande storia è necessario un grande personaggio; Shakespeare insegna, basta ricordarsi di Amleto, Otello, Riccardo III, Giulio Cesare, solo per citare qualche titolo, e se vogliamo andare indietro nel tempo, pensiamo all’Ulisse di Omero, oppure ai grandi personaggi biblici. È il personaggio che muove la storia, quindi trovare una buona storia, in definitiva significa cercare un grande personaggio, perché credo che “l’empatia” sia un elemento importantissimo, anche se il mondo delle storie è pieno di personaggi non empatici.

4) Nel caso di lavori filmici, come nasce la sintonia lavorativa con il regista?

Secondo me, l’approccio deve essere quello di mettersi a disposizione della storia, del progetto e del regista. A mio avviso lo sceneggiatore si trova in una posizione favorevole nella scrittura della storia, in quanto è un soggetto esterno, non è coinvolto emotivamente nell’idea, quindi può lavorare tenendo conto solo ed esclusivamente degli elementi narrativi che funzionano. L’arma principale dello sceneggiatore che collabora all’idea di un regista sono le forbici con cui tagliare tutto il superfluo e quello che non funziona. Spesso i registi si affezionano alle proprie idee, alle scene, ai personaggi, instaurano un rapporto affettivo, quindi la presenza dello sceneggiatore è fondamentale.

5) Con quale regista italiano o straniero ti piacerebbe lavorare in futuro?

Se penso al cinema italiano di oggi, stimo tantissimo Claudio Cupellini, di cui ho molto apprezzato “Una vita tranquilla” e “Alaska”, due film davvero riuscitissimi e interessanti sotto il profilo della costruzione dei personaggi e della struttura della storia. Ma Claudio Cupellini lavora già con uno sceneggiatore bravissimo, il capuano Filippo Gravino. Per quanto riguarda i registi stranieri, trovo interessante, sia dal punto di vista stilistico che dal punto di vista della gestione dei tempi narrativi, il danese Nicolas Winding Refn, di cui mi è piaciuto tantissimo “Drive”: straordinari i silenzi del personaggio e la sua evoluzione.
Inoltre, ammiro il newyorkese Darren Aronofsky, soprattutto per come ha lavorato in “The Wrestler”: stupendo il personaggio interpretato da Mickey Rourke. Lo stile documentaristico del film è davvero funzionale al racconto, così come le scelte di fotografia.
Infine, devo necessariamente citare Alejandro González Iñárritu, che grazie alla collaborazione con lo sceneggiatore Guillermo Arriaga, ha dato vita alla stupenda trilogia della morte: “Amores perros”, “21 grammi” e “Babel”.

6) C’è un classico della narrativa che ti piacerebbe adattare in forma di sceneggiatura e seguirlo come progetto?

Secondo me è complicato adattare per il cinema un classico della letteratura, perché un grande romanzo si fonda sul conflitto interiore del personaggio, mette in scena pensieri, emozioni, stati d’animo, mentre il linguaggio cinematografico predilige i conflitti esteriori e gli spazi aperti. Infatti Alfred Hitchcock, che la sapeva lunga in tema di cinema, ha realizzato tutti i suoi film con adattamenti di romanzi, cosiddetti di serie B, con tanta azione e limitato flusso di coscienza, insomma, poco letterari. Un libro che mi piacerebbe adattare per il cinema è “La crepa” di Claudia Piñeiro, una scrittrice argentina che ha ambientato la storia a Buenos Aires.

7) Quali sono gli autori di storie che consideri Maestri per la tua formazione?

Fëdor Michajlovič Dostoevskij è stato il mio primo amore, ho letto “Delitto e castigo” tre volte, un capolavoro. Mi sono appassionato alla scrittura leggendo lo scrittore russo. Un altro autore che mi ha affascinato per l’originalità dei suoi racconti è Franz Kafka, geniali “Il processo” e “La metamorfosi”.
Ho letto molti romanzi di Jose Saramago, lo scrittore portoghese ci ha regalato storie davvero particolari, oggi è attualissimo il profetico “Cecità”.

8) Puoi dirci qualcosa dei tuoi lavori futuri?

Leggendo “Il vangelo secondo Gesù Cristo” e “Caino”, di Saramago, ho sempre avuto in mente di scrivere una storia di ispirazione biblica. Mi affascinava il personaggio dell’adultera del vangelo, perché mi chiedevo come fosse cambiata la sua vita una volta che Gesù l’avesse salvata dalla lapidazione. Cosa ha fatto l’adultera dopo la salvezza? Come ha deciso di vivere? Ha cambiato la sua vita? Ho cercato di rispondere a queste domande, così ho iniziato un breve romanzo sulla storia dell’adultera.

Gaetano Ippolito* è uno scrittore e sceneggiatore italiano. Nato a S. Felice a Cancello (CE) nel 1972, vive ad Aversa. Diplomato in regia cinematografica presso la NUCT di Roma. Ha realizzato diversi cortometraggi e documentari. Il cortometraggio “Ciruziello” (di cui è sceneggiatore) è andato in onda su Rai Cinema. Il documentario “La Domitiana” (di cui è produttore) è andato in onda su Rai3, BBC, ORF. Il documentario “Inside Africa” (di cui è regista) ha vinto il festival di Luca Zingaretti. In qualità di scrittore è autore del romanzo “Nostos”, ispirato alle storie dei detenuti coinvolti nei suoi laboratori di scrittura creativa.

In memoria di Luis Sepulveda

Ciao Lucho:  un saluto al Maestro  Luis Sepulveda

Luis Sepulveda, ( Ovalle 4 Ottobre 1949 – Oviedo 16 Aprile 2020)è stato uno scrittore, giornalista, sceneggiatore, poeta e attivista cileno naturalizzato francese. Un uomo che ha vissuto prima in qualità di profondo conoscitore della Storia e poi come abilissimo creatore di Storie. Un individuo sensibile e curioso;  uno dei pochi di un tempo lontano, capace ancora di pensare a come scrivere storie immortali, fin dagli esordi, senza mai smettere di battersi. Combattere a faccia ben visibile contro quella terrificante dittatura che in nome di un solo principio (comandare a costo di uccidere, solo in nome del potere) voleva eliminarlo per sempre.

I grandi uomini, diceva un mio amico contadino, sanno sempre dove finisce il solco che porta l’acqua che nasce dal pozzo e va alle piante. Aggiungerei io che uno come Luis Sepulveda, Lucho per gli amici,  non sapeva solo dove portava il solco dell’acqua: era egli stesso l’acqua portatrice di vita. Una vita fatta racconto; che per tanti anni ci ha insegnato ad amare certi mondi narrativi, a sognare con la nostra testa e a non smettere mai di batterci per un mondo migliore.

In un mondo ideale, forse in uno di quei mondi rivoluzionari e illuminati che Sepulveda descriveva con grande capacità, oggi o domani (con librerie chiuse a causa di questo covid19) dovremmo uscire tutti di casa e andare a bussare alle porte delle biblioteche: per chiedere a gran voce di poter riprendere tra le mani libri come Il vecchio che leggeva romanzi d’amore, Diario di un killer sentimentale, Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare, Le rose di Atacama, Ingredienti per una vita di formidabili passioni e i tanti altri che ha scritto.

E nel dubbio Maestro, nel dubbio che lei ha avuto a proposito del suo dire: «La vita è un insieme di dubbi e di certezze. Ho un grande dubbio e una grande certezza. Il dubbio è se la letteratura abbia guadagnato qualcosa dalla mia militanza nella scrittura. E la certezza è che per colpa della letteratura il calcio cileno ha perso un grande attaccante.»,  ecco in merito a questa faccenda dia retta a un piccolo commesso di libreria di provincia: se il Calcio Cileno ha perso un grande attaccante, il mondo intero ha trovato un Immenso Pensatore.

Arrivederci Maestro, ci vediamo tra le pagine dei suoi libri; oggi domani e sempre.

Mario Schiavone

L’uccellaccio di Kafka di Attilio del Giudice: appunti per una recensione

“L’uccellaccio di Kafka” di Attilio del Giudice (CaffèOrchidea Editore, 161 pagine, 14 euro) è un libro che contiene 50 storie, brevi e meno brevi, capaci di trascinare il lettore in un vortice di voci, personaggi e ambientazioni sempre originali e vive. Si tratta di prose intrecciate con sapienza e bravura da un autore attento al dispiegarsi del mondo; una voce capace di indagare nella quotidianità per trovare riflessi narrativi da restituire al lettore contemporaneo. Le prose in questione trovano spazio e forza come se venissero fuori da uno scrigno “contastorie” di quelli magici, che ritroviamo nelle fiabe classiche. Proprio questo scontro, che trova luogo tra la magia affabulatoria dell’antica arte del narrare e la capacità odierna di osservare il mondo complesso che viviamo, produce le narrazioni contenute in un libro che stupisce, meraviglia e coinvolge in ogni sua pagina. Se fosse un sogno, questo libro, potrebbe appartenere talvolta a quei passaggi onirici che fanno da specchio al quotidiano così come a un vero e proprio incubo gotico capace di fare da specchio alle inquietudini del vivere.

Una peccatrice che grida in chiesa i suoi misfatti durante una messa affollata di partecipanti, una moglie eternamente infelice nonostante la ricchezza sfarzosa generata dal marito, un uomo capace di innamorarsi di una prostituta che lo richiama alla vita vera come una maestra del vivere, un potente camorrista che tiene lo scettro del comando sempre alto sono solo alcune delle diverse (tante) e particolari anime pulsanti che tengono a bada il lettore, pagina dopo pagina.

Fra stupore e meraviglia, incanto e rabbia ogni storia prende il sopravvento con una velocità e un montaggio che ricordano l’arte di quel fare cinema di altri tempi (un tentativo concreto e misurato di gettare lo sguardo in ogni interstizio bio-grafico), pur trattandosi di un libro fatto di carta e inchiostro che è ben distante (in quanto “oggetto parlante” dalla pellicola del racconto per immagini.

Osservando con attenzione la copertina del libro si nota un uccello dal becco lungo che affonda la sua unica (ed efficace) arma affilata nell’occhio di un essere umano disteso. Questa immagine, a libro finito, non può che condurre a un’idea orrorifica generatrice di una sola domanda: e se quella creatura alata fosse capace di iniettare storie del mondo negli occhi (quindi nell’organo utile a produrre uno sguardo) di ogni lettore?

Ben vengano uccellacci di questo genere, pronti a colpire i nostri occhi stanchi perchè anestetizzati da troppi schermi liquidi moderni, e –talvolta- poco attenti a quelle storie di carta e inchiostro ancora guizzanti nel mare della letteratura nostrana.

 

Mario Schiavone

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑