5 domande insolite e orticanti a: Canio Loguercio, un artista talentuoso come pochi!

Vorrei imparare una lingua che sia rispettosa dei silenzi, del non detto, della parola assente…(Canio Loguercio).

In quanti siete, da dove venite e quanti fiorini pagate alla vostra mente, per testi così vivi? 

Ci sono delle canzoni che aspettano anni per avere la parola giusta al posto giusto. Ho capito che non devo starci molto addosso ai miei testi.. Ho imparato ad aspettare, anche perché non ho contratti che mi obbligano a fare presto.. Spesso ci penso in macchina o facendo lungo passeggiate.. Ovviamente sono testi creati su misura per delle melodie.. stiamo parlando di canzoni, cioè di una faccenda molto complessa, un territorio purtroppo pieno zeppo di frasi fatte e di luoghi comuni che sono sempre in agguato.

Scrivo quasi tutto in una specie di napoletano un po’ reinventato, non perché voglia collocarmi nel filone della musica popolare o seguire le orme della tradizione.. Tutte cose rispettabilissime, ma che non mi appartengono.. Della canzone classica napoletana colgo la grande suggestione, la deriva emotiva in cui mi abbandono per condividerne il pathos.. ma la mia scelta del napoletano non ha niente a che vedere con la tradizione.

 Ci parleresti delle tue collaborazioni musicali con altri artisti?

 Da anni lavoro con Rocco De Rosa, uno dei migliori musicisti e compositori nel panorama italiano, e poiché ho la fortuna di essergli amico, non mi lascio certo sfuggire la possibilità di lavorare con lui.. In tutti i miei dischi c’è il suo suono, la sua creatività, le sue invenzioni melodiche.

E in tanti anni di attività, prima con il gruppo Little Italy e poi con l’etichetta indipendente Officina, ho avuto modo di conoscere tanti artisti e quindi non mi è stato difficile coinvolgerli nei miei progetti musicali.. Penso a Peppe Servillo, Raiz, Maria Pia De Vito, Michele Rabbia, Paolo Fresu, Daniele Sanzone degli ‘A67, ecc.. Inoltre, sono molto curioso e mi piace conoscere e sperimentare.. cosa che ho imparato soprattutto frequentando gli “spazi multicodici” della Radio Rai di Pinotto Fava di qualche tempo fa, e allora ho cominciato a condividere i miei progetti con poeti, artisti, ecc.

Alcuni nomi? Poeti come Gabriele Frasca, Lello Voce, Rosaria Lo Russo, Tommaso Ottonieri, Enzo Mansueto, Sara Ventroni, Gilda Policastro, Maria Grazia Calandrone, Lidia Riviello, Franco Arminio, Giuseppe Boy.. ma tantissimi altri, a volte in veri e propri happening, reading collettivi.. come, ad esempio, col progetto AMARO AMMORE al Festival Teatri di vetro, o LUNTANO AMMORE al Festival Ethnicus.. o ETERNAMMORE, al Teatro Civile Festival di Festambiente o al Festival di Ravello.. o col progetto PASIONES con poeti italiani e poeti cubani a l’Habana.

Tragico ammore, forse, fa rima con rancore: nutri indignazione o rispetto nei confronti chi non riesce a cogliere la bellezza anche negli amori finiti?

 Ma no, gli amori veri non finiscono mai. Possono rimanere “sospesi” per qualche mese, qualche, anno, una vita intera, ma non finiscono..  Sarà pure un paradosso, ma chi parla o scrive di amori finiti, in realtà parla di cose estremamente vive dentro di sé, talmente vive e pungenti che possono certo provocare dolore, sintomo evidente di un fuoco che continua a bruciare.. Le canzoni d’amore, quelle “tragiche”, provano per l’appunto a descrivere uno stato di sospensione..

Ci parleresti del tuo prossimo disco?( in uscita per la rivista In pensiero curata e pubblicata dal coraggioso Direttore Editoriale di Squilibri edizioni!)

 Del prossimo numero della rivista non so dirti molto.. Posso solo dirti che il CD allegato è un po’ una sfida con me stesso.. E’ una raccolta di molte mie canzoni in versione “lo-fi”, realizzate senza l’aiuto di nessuno, capovolgendo completamente la mia storica attitudine alle collaborazioni, al coinvolgimento, alla condivisione..  Ho fatto tutto da solo. Cantato, suonato, registrato.. Con la mia chitarra, un vecchio Mac e Garage Band.. Però sono contento e abbastanza soddisfatto del risultato…Con Squilibri avevo già fatto il Libro + CD + DVD MISERERE e mi fa davvero piacere che questo lavoro esca con loro. Pubblicano delle cose veramente belle..

C’è una lingua dialettale del sud italia, oltre a quelle che già parli, che vorresti imparare? 

Vorrei imparare una lingua che sia rispettosa dei silenzi, del non detto, della parola assente.. Vorrei scrivere canzoni di un solo verso o di un solo fonema sussurrato.. e riuscire a comunicare come la forza di uno sguardo, magari di un ragazzo o una ragazza di uno di quei sud a cui ti riferisci.. Ma io non studio, non mi applico, in fondo scrivo solo canzoni di musica leggera, in perenne attesa della parola giusta da mettere al posto giusto.

 

© Mario Schiavone 2014 per Inkistolio: Storie Orticanti.  RIPRODUZIONE TESTI RISERVATA.

 

5 domande orticanti al Regista Ugo Gregoretti: eterno Peter Pan e Narratore anarchico

Mario Schiavone che intervista Ugo Gregoretti per Inkistolio,Storie Orticanti. Foto di Annalisa Rascato.Tutti i diritti riservati.

Il 16 Gennaio 2014 il Regista Ugo Gregoretti, presso l’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, ha ricevuto la Laurea Honoris Causa in Imprenditoria e Creatività per Cinema, Teatro e Tv. La seduta di Laurea era presieduta dal Rettore Lucio d’Alessandro, il regista Mario Martone, l’antropologo Marino Niola e tra i presenti illustri in sala anche il Regista Luigi Di Gianni. Noi di Inkistolio c’eravamo, e gli abbiamo fatto 5 domande orticanti.

se potessero dare fuoco a i musei alle sovrintendenze alle pinacoteche alle sale cinematografiche ai teatri”

(Ugo Gregoretti)

Come si sente oggi Professore?

Pensavo che avrei evitato di pensare a tutto questo, fino ad oggi perché volevo rimanere calmo. Un’utopia.

 

Non sembrava vera questa cosa bella?

Non riesco a crederci, una chimera. E quindi mi lusingo per aver mantenuto un sentimento un po’ distaccato del fatto. Oggi che invece il fatto accade sono emozionato, ho perso la mia tracotanza. Leggerò una così detta lectio magistralis temendo di fare un sacco di papere.

 

A proposito di papere, dopo La ricotta di Pasolini e il suo Pollo ruspante  qual è la pietanza che manca nel cinema italiano oggi? Cosa manca al cinema italiano oggi?

A questo cinema manca tutto. Nel senso che manca, innanzitutto, il pubblico che stimi e apprezzi e che voglia il cinema italiano di oggi. Che è tutt’altro che disprezzato. Abbiamo una serie di autori eccellenti, ma purtroppo manca il pubblico. Mancano le sale in cui proiettare in modo continuo e convinto il cinema di qualità: queste multisale periferiche che campano di pop corn e filmacci. Poi ci sarebbero anche i produttori, le potenzialità perché il nostro cinema riconquisti prestigio e importanza.

Perché in questo paese sembra che ci si sia dimenticati della cultura e contano solo il potere e i soldi?  Se la sente di dirci che direzione ha preso la cultura in questo Paese?

Perché i nostri uomini di Governo sostengono che noi siamo il Paese più ricco di cultura e di opere d’arte e di questo e di quello di tutto l’Occidente. Poi sono i primi a fregarsene. Predicano bene e razzolano male, perché non gliene importa niente…  se potessero dare fuoco a i musei alle sovrintendenze alle pinacoteche alle sale cinematografiche ai teatri… c’è questa contraddizione siamo il paese più ricco di cultura della terra e siamo allo stesso tempo il paese più ricco d’ignoranza della terra. A tutti i livelli.

 

Siamo messi peggio che nel romanzo Fahrenheit 451 di Ray Bradbury, dice lei?

Il Paese non è colto, non viene iniziato con la confidenza alla cultura e non vede l’ora di non andare più a scuola.  

 © Mario Schiavone 2014 per Inkistolio: Storie Orticanti.  RIPRODUZIONE TESTI e FOTO RISERVATA.

5 domande orticanti a Antonio Maria Logani: uno scrittore divertito e divertente!

Antonio Maria Logani-Scrittore“Bene. Vuoi fare lo scrittore. Allora improvvisami quello che ti passa per la mente. Oppure improvvisami un racconto…”(Antonio Maria Logani*)

Da quanto tempo scrivi e cos’è per te la scrittura?

Scrivo da molto prima che iniziassi a lavorare, quindi dal 1960. La scrittura non è altro che quel pensiero libero, a volte fantasioso, messo nero su bianco.

Parteciperesti mai a un talent show sulla scrittura?

Sì. Soltanto se per talent-show si intende improvvisazione di un racconto o di una favola da parte dei partecipanti. (vedi improvvisazioni musicali).

Cosa manca ai lettori italiani… considerata la loro latitanza nei confronti delle biblioteche?

Ai lettori italiani manca la disciplina educativa. Quella disciplina letteraria che per me sarebbe d’obbligo  sin dalle elementari. (Vedi lingua inglese). Anche se è impossibile far uscire l’amore insegnandolo. Se non ami, non senti, una cosa non la puoi capire. Così è il talento e così è la latitanza dalle biblioteche.

Che cosa diresti a un figlio o nipote capace di porre una domanda tipo: Vorrei fare lo scrittore, cosa ne pensi?

A mio nipote o figlio o semplicemente un richiedente consiglio, direi e chiederei; -Bene. Vuoi fare lo scrittore. Allora improvvisami quello che ti passa per la mente. Oppure improvvisami un racconto o una favola partendo, ad esempio, “aveva una casetta piccolina in Canada”.

Cosa stai scrivendo in questo periodo?

Sto lavorando a due romanzi; Sex,drug,spaghetti e Rock&roll, e Il manuale del vero coatto.

Antonio Maria Logani* è uno scrittore italiano. Ha una pagina fb molto attiva su cui c’è scritto che vive presso: “Ho chyu han 451”. 

Il suo blog personale è questo: http://logani.wordpress.com/

Il suo ultimo libro in formato e-book “Fatti & misfatti” appena uscito, lo trovate qui:http://www.amazon.it/Fatti-Misfatti-Ernesto-Antonacci-ebook/dp/B00GSUS3R8/ref=sr_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1385567179&sr=1-1&keywords=fatti+e+misfatti+logani

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑